Lista prodotti per artista Nina Simone

Eunice Kathleen Waymon – vero nome di Nina Simone – nasce il 21 febbraio 1933 in North Carolina, prima di otto figli. Incomincia a suonare il pianorte nella chiesa locale, debuttando invece davanti a un pubblico a dieci. Durante l’esibizione i suoi genitori, poiché di colore, vengono costretti a retrocedere nelle ultime file. Nina si rifiuta di continuare a suonare, episodio che segna il suo contributo futuro nel movimento dei diritti civili.
A diciassette anni si trasferisce a Philadelphia per studiare pianoforte; dopo aver suonato in alcuni club, nel 1958 registra una cover di George Gershwin “I love your porgy”, che le permette - grazie al fatto che il brano entra nella classifica di Billboard – di pubblicare il primo album, LITTLE GIRL BLUE.
Dopo problemi con la casa discografica che esercita un eccessivo controllo sul materiale dell’artista, nel 1964 la Simone passa alla Dutch, con la quale esce NINA SIMONE IN CONCERT (1964), lavoro in cui, ancora una volta - con brani come “Mississippi Goddam” - la cantante denuncia le differenze razziali presenti all’interno del suo Paese.
Nel 1967 la Simone cambia nuovamente casa discografica e esce così NINA SIMONE SINGS THE BLUES a cui fa seguito SILK & SOUL dello stesso anno, mentre l’anno successivo è la volta NUFF SAID. Un paio di anni più tardi la Simone entra in studio per completare la canzone di Lorraine Hansberrys “To be young, gifted and black”, che diventa l’inno ufficiale dei neri d’America.
Nel 1970 l’artista lascia gli Stati Uniti prima per le Barbados e poi – dopo aver vissuto anche in Svizzera e Olanda – per la Francia dove si stabilisce nel 1992.
Registra il suo ultimo album per la RCA, dal titolo IT IS FINISHED nel 1974, anche se poi firma un altro lavoro quattro anni dopo, BALTIMORE, che – nonostante non sia un successo commerciale – le permette di ottenere buone critiche. Nel 1982 è invece la volta di FODDER ON MY WINGS.
Negli anni Ottanta si esibisce regolarmente al Ronnie Scott jazz club di Londra e dalla sue performance viene tratto un album intitolato, LIVE AT RONNIE SCOTT’S (1984). Trascorre gli ultimi anni della sua vita nel Sud della Francia, dove muore nell’aprile del 2003.

 

Non ci sono prodotti per questo artista.

Connessione alla banca...