Categorie

Newsletter

Iscriviti e rimani sempre aggiornato

Album di Marco Masini

​Marco Masini nasce a Firenze il 18 settembre 1964. A tre anni riceve in regalo, per Natale, una pianola-giocattolo: ci mette le mani e, a orecchio, riesce a suonare le note di “White Christmas”. Qualche anno più tardi, dietro consiglio dello zio, Marco comincia a prendere lezioni di pianoforte passando ore ed ore a suonare su quella pianola e qualche anno più tardi riuscì ad andare anche a lezione di musica a casa di una professoressa, ma allo studio di Bach, Chopin e Mozart affiancava l'amore per la musica leggera, pop e rock. Ascoltava quanti più brani poteva, li risuonava, li rielaborava e di tanto in tanto componeva anche dei pezzi suoi. Durante il liceo fonda, assieme ad alcuni amici, un gruppo musicale chiamato “Errata Corrige”. L'incompatibilità tra la vita del musicista e quella di studente lo porta ad abbandonare la scuola in IV Ragioneria, causando i primi contrasti con la famiglia, in particolare con il padre, ma anche con gli amici. Il 22 agosto 1984 muore sua madre con profondo dolore di Marco che rimpiange di non averle potuto stare accanto negli ultimi momenti della sua vita perché impegnato nel servizio militare. Il dolore per la perdita è fortissimo e Marco trova conforto esclusivamente nella music: va a Modena per sei mesi, facendo arrangiamenti per musica da discoteca in uno studio di registrazione, quindi torna a Firenze per ricominciare a studiare composizione, armonia e melodia, seguito da Walter Savelli, pianista di Claudio Baglioni. Nonostante componga molti pezzi, Masini ha difficoltà al momento della loro presentazione alle case discografiche, che lo accusano di non avere “la faccia dell'artista” e di produrre canzoni dai testi troppo atipici rispetto a quello che la gente si aspetta di ascoltare. Grazie a Bob Rosati, arrangiatore e proprietario di uno studio a Sesto Fiorentino, Marco comincia a fare i primi provini: conosce Beppe Dati, compositore e poeta con il quale realizza alcuni brani. Nel 1986 arriva l'incontro importante con Bigazzi, che lo mette al lavoro per migliorare le sue doti: Marco partecipa alla realizzazione di alcune colonne sonore (“Mediterraneo”, “Mary per sempre”, “Ragazzi fuori”), è la voce guida del demo di “Si può dare di più” (portata a Sanremo dal trio Morandi, Ruggeri e Tozzi) e concertista dal vivo nella tournée di Tozzi al Royal Albert Hall di Londra (suoi sono gli arrangiamenti, le tastiere e il remix di “Immensamente”). Parte per il primo tour nel 1987, poi va ancora in tournée con Raf, al cui album Cosa Resterà Degli Anni ‘80 ha collaborato. Nel 1990 è il momento di “Disperato”, che arriva primo a Sanremo tra le giovani proposte. All’album di debutto, Marco Masini, segue nel 1991 una seconda partecipazione a Sanremo con “Perché Lo Fai”, che si piazza terza al Festival ma prima nella classifica dei dischi più venduti dell’anno. Il secondo album si intitola Malinconia. Dopo la prima tournée da solista, Masini si chiude in uno studio di registrazione e pubblica, all’inizio del 1993, il terzo album: T’Innamorerai, contenente il brano “Vaffanculo”, viene pubblicato anche in Spagna e Germania. Il quarto album, del 1995, si intitola Il Cielo Della Vergine ed è pubblicato in Italia, Svizzera, Belgio, Olanda, Germania, Spagna e America Latina. Anche quest'album è oggetto di critiche per le due canzoni “Bella stronza” e “Principessa”, entrambe molto dirette ed esplicite. Il 12 novembre 1998 è il momento dell'album Scimmie, pubblicato dall'etichetta Ma.Ma., fondata da lui stesso insieme a Mario Manzani e Marco Poggioni. Questo nuovo album segna una svolta nella produzione di Marco, che si presenta anche al pubblico con un nuovo look: barba e capelli bianchi, e con uno stile più rock rispetto a prima. Nel 1999, ritorno al passato e uscita del singolo “Il giorno più banale”, nel 2000, Masini è a Sanremo con “Raccontami di te”, che arriva quindicesima e dà il titolo a un nuovo album oltre che il via a un tour. Il 26 gennaio 2001 è il momento di Uscita Di Sicurezza, un disco contenente quattordici nuove canzoni scritte durante tutto l'arco della sua carriera, una sorta di “diario segreto” portato alla luce. A rovinare l'euforia per le nuove canzoni, la scarsa promozione da parte della casa discografica e l'ostruzionismo continuo dei media nei confronti della figura di Masini, tacciato follemente di portare sfortuna. Le vendite ne risentono e Marco, allo stremo, martedì 17 aprile annuncia al telegiornale il suo ritiro dalla carriera di cantautore. L’autunno 2003 segna però il ritorno di Marco Masini con l’etichetta indipendente MBO Music di Mario Ragni (suo scopritore ai tempi della Ricordi) e l’album Il Mio Cammino, che ripercorre una parte della sua storia con nuovi arrangiamenti e l’inserimento di tre canzoni inedite. Nel 2004 il cantautore vince il Festival di Sanremo con “L’uomo volante”. Nel novembre 2004 escono il primo dvd e cd live dell’artista. Il 2005 vede di nuovo Marco Masini a Sanremo con il brano “Nel Mondo Dei Sogni”, poi inserito nell’album Il Giardino Delle Api. A fine 2006 esce Tozzi/Masini, disco a quattro mani con Umberto Tozzi, di cui rielabora alcune canzoni, e con cui duetta in diversi brani. Al disco segue un tour, sempre in coppia con Tozzi. Dopo un tour nell'estate del 2008, torna sul palco di Sanremo nel 2009 con il brano L'Italia" inserito nell’album L’Italia E Le Altre Storie. Nel 2014 Masini firma un contratto discografico con la Sony, che curerà la pubblicazione del suo nuovo album in studio previsto per il 2015, in concomitanza alla partecipazione al Festival di Sanremo 2015, dove sarà in gara con "Che Giorno È". Contemporaneamente esce Cronologia, un triplo album contenente tutti i suoi successi e cinque brani inediti."

 
Mostra 1 - 2 di 2 elementi
Mostra 1 - 2 di 2 elementi
Connessione alla banca...